ultra prealpi trevigiane

Le antenne del col Visentin, km 60 circa

Le antenne del col Visentin, km 60 circa

Ieri mattina mentre correvo pensavo: questa volta scrivo due righe.

La prima immagine “forte” arriva verso le otto, circa due ore dopo la partenza, attorno ai mille metri di quota: l’umidità della notte è ancora posata sui prati e un mare di grilli sembra salutare il nostro passaggio.

Poi la mattinata, con l’aria calda ma ancora frizzante, trascorsa attraversando sottoboschi profumati di legno umido e prati verdissimi ricoperti di margherite, costantemente affacciati, 1.200 metri più in basso, su una pianura che quasi si vedeva diventare rovente.

La corsa diventava quasi un pellegrinaggio nelle ore centrali, trascorse nello sforzo di raggiungere le antenne del Col Visentin, sempre davanti a noi ma sempre un po’ più avanti di dove sembrava di averle viste l’ultima volta.

E infine gli ultimi venti km, massacranti, giù a precipizio verso il lago di S.Croce, con i muscoli che urlavano e le dita dei piedi che sembravano sfondare le scarpe, e poi nella vallata finale, ormai un forno incandescente senza un filo d’aria, cerando in ogni cono d’ombra e in ogni ristoro o fontana (indimenticabile quella del km 65, l’incontro con lei è stata una cosa quasi erotica) la forza di arrivare fino in fondo.

Ancora una volta un’esperienza durissima, e una soddisfazione immensa nel tagliare il traguardo, per l’immagine finale della bellissima cornice di Serravalle e dello striscione d’arrivo, raggiunto dopo 10 ore e 55 minuti circa, come un miraggio al quale, inizialmente, non riuscivo a credere.

Infine un plauso sincero all’organizzazione per la disposizione e la quantità di ristori, indispensabili per idratarsi adeguatamente e mangiare a sufficienza, e per la cura dedicata alla segnalazione del percorso: non passavano più di poche decine di metri senza che una striscia bianca o una freccia rossa confermassero, alla nostra mente ormai annebbiata, di essere sulla giusta strada (e anche quando i dubbi interiori sul fatto che quella potesse davvero essere una GIUSTA STRADA si facevano incalzanti :-D)

All'arrivo

All'arrivo

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.